/ Sport

Sport | 20 giugno 2021, 16:33

F1. In Francia per Leclerc è un calvario. Il monegasco chiude sedicesimo, vince Verstappen

Problemi di gomme e strategia discutibile nel finale da parte di Ferrari

Foto Ferrari

Foto Ferrari

È un vero e proprio calvario quello che vive Charles Leclerc per i 53 giri del Gran Premio di Francia a Le Castellet, chiuso dalla Ferrari numero 16 in sedicesima posizione. 

Eppure le cose dopo il primo giro di pit stop sembravano mettersi bene, con il monegasco che dopo essere stato superato dalle McLaren riesce a rimettersi davanti a Ricciardo e a comandare il trenino di cui fanno parte anche Sainz con l'altra rossa e Gasly con l'Alpha Tauri. Un'illusione di poter agguantare un incredibile quinto posto che dura solo tredici giri: la Ferrari non digerisce la gomma dura e Leclerc viene superato da tutto il trenino di inseguitori e anche dalla Alpine di Alonso. Rientra in zona punti solo grazie alle soste tardive delle Aston Martin di Stroll e Vettel, ma a quel punto Ferrari decide per la seconda sosta, per il ritorno sulla gomma media che di fatto pone fine a qualsiasi speranza di zona punti del monegasco. Fuori dai punti anche l'altro cavallino Sainz, undicesimo, rimontato dalle Aston Martin nel finale. McLaren con il quinto e sesto posto finale di Norris e Ricciardo porta a casa un bottino importante a fronte dello zero della rossa. 

Una gara molto meno soporifera rispetto a quelle che erano le aspettative: tante lotte e sorpassi a centro classifica, ma soprattutto è la sfida in testa a tenere vivo lo spettacolo. Verstappen parte male, cede la testa a Hamilton ma se la riprende dopo il primo turno di soste, fermandosi una seconda volta dando la caccia all'inglese che si ferma solo una volta e tenta di gestire la gomma e gli assalti della Red Bull che vanno a segno a due giri dalla fine. Vince Verstappen che allunga su Hamilton in classifica mondiale, Perez a completare il podio con l'altra Red Bull. 

Federico Bruzzese

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium