/ Ambiente

Ambiente | 15 gennaio 2023, 19:00

Attenzione ai pollini! Il bollettino settimanale delle allergie

Nel Sud del Paese troviamo anche pollini di parietaria (Urticaceae) con un rischio di allergia per il momento basso. Attenzione anche alle mimose in fiore con possibili allergie da prossimità

Piste de Tamarins in inverno, fotografie di Danilo Radaelli

Piste de Tamarins in inverno, fotografie di Danilo Radaelli

Qual é il rischio che corre questa settimana chi soffre di allergie?  Il bollettino emesso dal Réseau National de Surveillance Aérobiologique (R.N.S.A.) che si basa sui siti di rilevazione, sulle segnalazioni dei medici sentinella e sulle previsioni meteo fornisce un’indispensabile informazione.



Questo il testo del bollettino settimanale
L’inizio del 2023 si è rivelato molto mite e ha favorito la fioritura degli alberi, in particolare dei noccioli (famiglia Betulaceae) che sono già in piena fioritura con un inizio vivace e concentrazioni di polline molto elevate.
Nei prossimi giorni il polline dei noccioli darà fastidio a chi soffre di allergia, con un rischio di allergia elevato nel nord-est del Paese e medio nel resto della Francia. Il nocciolo non teme il freddo e può fiorire e rilasciare il suo polline allergenico a partire da 5°C.

 

Il rischio di allergia sarà basso per i pollini di ontano (anch'essi della famiglia delle Betulaceae) che iniziano a fiorire, ma sono meno abbondanti dei pollini di nocciolo.
Il rischio di allergia sarà nella media in tutto il Mediterraneo per pollini di Cupressaceae-Taxaceae (ginepro, cedro, cipresso) e frassino, che sono in aumento e sono molto allergenici. Nel Sud del Paese troviamo anche pollini di parietaria (Urticaceae) con un rischio di allergia per il momento basso. Attenzione anche alle mimose in fiore con possibili allergie da prossimità.
Nel sud-ovest del Paese, il cocktail di pollini di Cupressaceae, frassino, ontano e nocciola aumenterà il rischio di allergia al livello medio.
Le concentrazioni di pollini nell'aria diminuiranno sotto gli acquazzoni di pioggia/neve che sono previsti con giornate fredde e perturbate per la prossima settimana. Attenzione però al forte vento annunciato su gran parte del Paese che favorirà la dispersione dei pollini nell'aria e aggraverà sintomi come la congiuntivite in particolare.



Ecco alcuni consigli pratici per proteggersi dal polline forniti dal sito internet del Réseau national de Surveillance Aérobiologique: lavare i capelli la sera, ventilare almeno 10 minuti al giorno prima dell'alba e dopo il tramonto, evitare di asciugare i vestiti all'esterno, tenere chiusi i finestrini delle auto.

Questa la sintesi del bollettino settimanale emesso dal Réseau national de surveillance aérobiologique per le Alpes-Maritimes:

  • Ontano, rischio basso
  • Cupressaceae (Cipresso), rischio moderato
  • Frassino, rischio basso
  • Parietaria, rischio basso.





Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium