/ Business

Business | 10 giugno 2024, 15:00

Beni in Trust: quale tassa si applica? La parola agli esperti

Il 17 gennaio 2018, la Cassazione ha pubblicato la sentenza n. 975/2018, che ha stabilito un principio fondamentale per la tassazione dei trasferimenti di beni in trust: questa deve essere fissa e non proporzionale ma cosa significa e perchè cambia tutto? abbiamo chiesto un parere al notaio Enzo Becchetti per comprendere bene i vantaggi.

Beni in Trust: quale tassa si applica? La parola agli esperti

Il 17 gennaio 2018, la Cassazione ha pubblicato la sentenza n. 975/2018, che ha stabilito un principio fondamentale per la tassazione dei trasferimenti di beni in trust: questa deve essere fissa e non proporzionale ma cosa significa e perchè cambia tutto? abbiamo chiesto un parere al notaio Enzo Becchetti per comprendere bene i vantaggi.

Questo giudizio rappresenta una svolta significativa nel panorama fiscale italiano, in quanto chiarisce un punto controverso sulla tassazione applicabile ai trust, uno strumento sempre più utilizzato nella gestione patrimoniale e nella pianificazione successoria.

Questi temi del diritto sono complessi e vanno affrontati assieme ai professionisti esperti della materia come notai, commercialisti ed avvocati. Per questo abbiamo chiesto il parere di un notaio da generazioni. Enzo Becchetti .

Il contesto normativo e fiscale

Il trust immobiliare è uno degli strumenti più sofisticati per la gestione dei beni immobiliari e la protezione patrimoniale.

Esso permette la separazione della proprietà legale dalla proprietà effettiva, offrendo vantaggi in termini di sicurezza e tutela dei diritti del beneficiario.

La sentenza della Cassazione ha quindi un impatto rilevante, poiché stabilisce che il trasferimento di beni in un trust deve essere soggetto a tassazione fissa, eliminando l'incertezza che poteva derivare dall'applicazione di imposte proporzionali.

La parola agli esperti

Commentando la sentenza, il Notaio Enzo Becchetti, noto esperto di trust immobiliare, ha dichiarato: "La decisione della Cassazione rappresenta un passo avanti significativo per la chiarezza normativa in materia di trust. Stabilire che la tassazione deve essere fissa e non proporzionale è un elemento fondamentale per chiunque desideri utilizzare questo strumento con la certezza del quadro fiscale applicabile" .

Inoltre il Notaio Becchetti sottolinea i benefici derivanti dall'utilizzo del trust immobiliare: "Grazie al trust immobiliare, i diritti di proprietà possono essere adeguatamente protetti e preservati nel tempo. Questa forma di organizzazione permette di trasferire la titolarità di beni immobiliari ad una società fiduciaria, che agisce nell'interesse del beneficiario designato, garantendo una maggiore sicurezza e tutela" .

Concludendo, il Enzo Becchetti aggiunge: "La sentenza della Cassazione non solo chiarifica l'aspetto fiscale legato ai trasferimenti in trust, ma rafforza anche la percezione di affidabilità e stabilità dell'utilizzo dei trust immobiliari per la gestione patrimoniale e la pianificazione successoria" .

Implicazioni pratiche

La sentenza 975/2018 avrà sicuramente delle ripercussioni significative sulle scelte dei professionisti legali e dei consulenti fiscali nel consigliare i propri clienti sulla gestione patrimoniale.

La certezza di una tassazione fissa rende il trust uno strumento ancora più attraente per chi vuole garantire la protezione e la gestione efficace dei propri beni immobiliari.

Inoltre, questa chiarezza normativa potrà incentivare una maggiore adozione dei trust immobiliari nel futuro.

Oltre la Sentenza: Il Futuro dei Trust Immobiliari in Italia

I Vantaggi dei Trust nella Pianificazione Patrimoniale

In un contesto dove la pianificazione patrimoniale è sempre più importante, i trust immobiliari offrono numerosi vantaggi.

Prima di tutto, consentono la protezione del patrimonio da eventuali future richieste di creditori e garantiscono una gestione oculata dei beni inseriti nel trust.

Non meno rilevante è la possibilità di pianificare la successione in modo preciso, assicurando che la volontà del disponente venga rigorosamente rispettata.

"Il trust non è solo uno strumento di protezione patrimoniale, ma anche un mezzo per gestire la successione in modo chiaro e sicuro. Offre la possibilità di vincolare beni e risorse in favore dei beneficiari in modo da evitare lacerazioni e contestazioni tra gli eredi" ha spiegato il Notaio Enzo Becchetti.

Comparazione Internazionale

La recente sentenza della Cassazione ha allineato l'Italia ad altre giurisdizioni dove i trust sono largamente utilizzati e godono di una tassazione fiscale favorevole.

Paesi come il Regno Unito e gli Stati Uniti hanno una lunga tradizione nell'uso dei trust, beneficiando di un quadro normativo e fiscale consolidato.

L'Italia con questa sentenza ha fatto un passo importante verso una maggiore competitività in ambito europeo e globale.

Secondo il Notaio Becchetti, "L'Italia sta andando nella giusta direzione. Offrire una chiara normativa sui trust e una tassazione fissa è un passo essenziale per attrarre investimenti internazionali e per consentire ai cittadini italiani di usufruire al meglio di questo strumento giuridico".

Richy Garino

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium