/ Sport

Sport | 06 luglio 2019, 07:00

"Qelle tappe le ho fatte anche io", tanti cicloamatori sulle strade del Tour 2020

Il prossimo anno, La corsa a tappe più importante al mondo partirà da Nizza. Planimetrie e dati tecnici…per chi vuole cimentarsi

Un momento del Tour 2018 (foto tratta dal sito ufficiale)

Un momento del Tour 2018 (foto tratta dal sito ufficiale)

E’ il momento del Tour de France 2019, ma a Nizza si guarda avanti, al prossimo anno.

Non solo chi è impegnato nell’organizzazione delle due tappe di avvio dell’edizione 2020, ma anche i tanti cicloamatori che, con tanta passione, pedalano lungo le strade in salita dell’arrière pays o si godono il panorama della Costa Azzurra: li si vede, in gruppo, percorrere anche a notevole velocità le strade, inerpicarsi sui colli, affrontare le successive discese.

Nizza si é candidata a diventare una delle capitali del ciclismo: il prossimo anno, nel 2020, sarà la sede di partenza dell’edizione 107 del Tour de France, una delle manifestazioni che, con le Olimpiadi e il Mondiale di calcio, rappresentano il top.

Ci sarà tempo per parlare e scrivere dell’edizione 2020 del Tour de France, per ora Montecarlonews propone le due tappe che caratterizzeranno l’avvio di quella manifestazione.

C’é da esserne certi, saranno percorse quest’anno da migliaia di ciclisti che sogneranno d’indossare la maglia gialla, che controlleranno i tempi e si confronteranno con altri o, più semplicemente, potranno dire: “Quella tappa l’ho fatta anch’o  e un anno prima!”.

La prima tappa (quella dell’avvio del Tour de France) verrà disputata il 27 giugno 2020 e sarà la  Nice moyen pays - Nice, di 170 km. Il via da Place Massena alla volta del  moyen pays passando per Aspremont, per tornare a Nizza attraversando Carros, quindi l’aeroporto e la Promenade e un circuito che condurrà a Tourrettes-Levens, Levens e Saint-Martin-du-Var.

La seconda tappa verrà disputata domenica 28 giugno e sarà la  Nice haut pays – Nice di 190 km e prevede il Colle de La Colmiane (16,3 km con una pendenza del  6,2%), quindi discesa in direzione di La Bollène e risalita sul Col de Turini (1.607 m d’altezza). In picchiata quindi verso Luceram per raggiungere Nizza ed affrontare quindi il Col d’Eze (490 m) e il Col des Quatre-Chemins (338 m). Per entrambe le tappe l’arrivo è previsto sul Quai des Etats Unis.

Al fondo di questo articolo le planimetrie delle due tappe con i dati tecnici.

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium