/ Politica

Politica | 04 maggio 2020, 19:00

Nizza, Menton e altri 5.000 comuni: tutto a monte?

Una legge annullerebbe il primo turno delle municipali in quasi 5 mila comuni francesi. Si tornerebbe a votare a fine settembre. Nei comuni dove tutto si è concluso al primo turno, Consigli Municipali ad inizio giugno

Tabelloni elettorali a marzo

Tabelloni elettorali a marzo

E’ più che un’ipotesi, anche se occorreranno più passaggi, dal Consiglio di Stato con un parere obbligatorio ad un voto del Parlamento, ma la strada imboccata è quella di mandare a monte il primo turno delle elezioni municipali che si era tenuto lo scorso 15 marzo.

Secondo molti giuristi, stante l’impossibilità di votare in questo mese o al massimo a giugno, il rinvio all’autunno genererebbe un lasso di tempo troppo ampio col primo punto, così da falsare l’esito stesso delle elezioni.

La questione riguarda 4 779 comuni con una popolazione complessiva di 16 milioni di abitanti: sono quelli che non sono riusciti a chiudere al primo turno le elezioni municipali.

Per gli altri 30 mila comuni, invece, il governo dovrebbe individuare, a fine mese, la data della prima riunione dei Consigli Municipali e i nuovi Sindaci dovrebbero assumere le loro funzioni tra il 2 e il 7 giugno.
Si tratta, tra l’altro di Cannes, con David Lisnard (88,08 %), Antibes, con Jean Leonetti (52,89 %), Saint-Laurent-du-Var con Joseph Segura, oltre a molti centri dell’entroterra tra i quali Breil sur Roya.

Per i comuni nei quali tutto sarebbe da rifare si parla della fissazione (dopo l’adozione di una specifica legge che sarebbe vitata dal parlamento tra luglio e agosto) del primo turno il 27 settembre e l’eventuale ballottaggio il 4 di ottobre. Tra i comuni interessati Nizza e Menton.


Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium