/ Business

Business | 12 luglio 2019, 05:50

Quando riparte la serie A?

I vari campionati europei di calcio hanno deciso in ordine sparso la prosecuzione o meno delle proprie competizioni nazionali calcistiche

Quando riparte la serie A?

I vari campionati europei di calcio hanno deciso in ordine sparso la prosecuzione o meno delle proprie competizioni nazionali calcistiche. Olanda e Francia hanno già chiuso i battenti anche se alcune società promettono battaglie legali, la Liga spagnola dovrebbe riaprire i battenti il 12 o il 20 giugno, così come la Premier League in Inghilterra mentre in Germania la Bundesliga è tornata giù a giocare se pur a porte chiuse e con un successo di ascolti televisivi davvero travolgente. La fame di calcio si fa dunque sentire ad ogni latitudine ed ovviamente non fa eccezione l'Italia. La domanda a questo punto sorge spontanea: ma quando ricomincerà a giocare la Serie A? Davvero difficile dirlo al momento, una scommessa difficile da fare anche per chi già fatto una iscrizione su bet365 con codice bonus visto che regna ancora un livello altissimo di confusione.

Da circa una settimana, circola con insistenza una data per la ripartenza del nostro campionato: sabato 13 giugno. Subito però si sono alzate molte voci contrarie sia da parte di alcune società che di associazioni di categoria. Il rebus si arricchisce poi di un ulteriore tassello visto che nell'ultimo Decreto Ministeriale dello scorso 17 maggio c'è scritto nero su bianco che fino a domenica 14 giugno “sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati”.

Stando comunque ad alcune indiscrezioni, filtrerebbe da parte del Governo la possibilità di una eccezione se si troverà un accordo fra le parti in merito soprattutto al protocollo per gli allenamenti. La Lega di Serie A ne ha presentato uno modificato dopo le richieste della politica e forse, con questo nuovo documento, potranno cominciare anche gli allenamenti collettivi di tutte le compagini del massimo campionato.

Far ripartire o meno il calcio è un tema che sta dividendo anche le tifoserie. Se molti non vedono l'ora di rivedere la propria squadra dela cuore in campo, molti supporter di gruppi organizzati delle curve, si sono invece scagliati contro l'idea di riprendere così repentinamente il campionato.

Anche in Bundesliga che come scritto ad inizio articolo, ha riaperto i battenti con un grande successo, non sono mancati alcuni striscioni polemici nei confronti della riapertura. In particolare i tifosi del Colonia hanno esposto le seguenti frasi scritte a caratteri cubitali: "I vostri soldi sono più importanti della vostra salute" e "Bundesliga ad ogni costo".

Il tema è indubbiamente delicato. Da una parte ci sono i legittimi interessi economici delle società di calcio e delle TV a pagamento, dall'altra la salvaguardia della salute. E sono contrapposti anche i desideri dei tifosi: chi guarda solitamente la partita sul divano non vede l'ora che si ricominci, chi invece ama tifare i propri colori dalle curve, tribune e gradinate, non accetta che si riprenda a porte chiuse.

In tutto questo, oltre ai campionati, c'è il discorso aperto anche sulle coppe continentali, Champions ed Europa League, ugualmente ferme da tempo, per non parlare poi degli Europei per nazioni che sono stati rinviati di un anno.



Richy Garino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium