/ Altre notizie

Altre notizie | 11 settembre 2020, 07:00

Covid 19: “La situazione è grave”, per Nizza misure da “semi confinamento”

Annullate le Giornate Europee della Cultura, attivata la piattaforma telefonica, divieto di accesso alle case di riposo, mascherine per tutti, chiusi anticipatamente bar e ristoranti. Il documento che analizza l’evoluzione settimanale del Covid 19 in Francia

Una spiaggia di Nizza ieri, 10 settembre 2020 alle ore 20,04

Una spiaggia di Nizza ieri, 10 settembre 2020 alle ore 20,04

Quando, alle 12,39 di ieri, nelle redazioni dei giornali, è giunta la comunicazione di una conferenza stampa indetta dal Sindaco di Nizza per le 17,30 con tema “le misure sanitarie in risposta alla progressione dell’epidemia di Covid 19”, è apparso chiaro che la situazione stava velocemente degradandosi.

Del resto nel breve volgere di poche ore il Prefetto delle Alpi Marittime, con diverse ordinanze, aveva prima disposto la chiusura, in tutto il Dipartimento, dei pubblici esercizi, dei bar e dei ristoranti alle 23 nei comuni con popolazione fino a 2 mila abitanti e all’una di notte in quelli con popolazione superiore a tale soglia e poi l’obbligo di indossare la mascherina dalle 8 alle 01 del giorno seguente nei seguenti comuni:

  • Nice
  • Cannes
  • Antibes
  • Cagnes-sur-Mer
  • Grasse
  • Le Cannet
  • Menton
  • Saint-Laurent-du-Var
  • Vallauris
  • Mandelieu-la-Napoule
  • Mougins
  • Villeneuve-Loubet
  • Beausoleil
  • Valbonne
  • Roquebrune-Cap-Martin
  • Carros
  • La Trinité

Da tale obbligo sono esonerati i bambini di età inferiore agli 11 anni, i portatori di handicap muniti di certificato apposito e quanti svolgono attività ginnica o sportiva, con disposizione di indossare la mascherina non appena si arrestano o cessano l’attività.

Così, quando alle 17,30, col viso rabbuiato e il tono di voce che non nascondeva la preoccupazione, Christian Estrosi ha iniziato a delineare un nuovo “semi confinamento” per Nizza è apparso chiaro a tutti che ormai la situazione stava precipitando.

L’esordio è stato estremamente esplicito: “La situazione sanitaria nel nostro Paese continua a peggiorare e la nostra città non ne è esente:

  • I test effettuati indicano un tasso di positività del 5,2% e sono aumentati molto bruscamente negli ultimi 10 giorni.
  • Il numero dei ricoveri in ospedale é aumentato del 68% negli ultimi 14 giorni nel Dipartimento delle Alpes Maritimes;
  • I ricoveri in rianimazione sono raddoppiati in 2 settimane

A partire dal 10 settembre:

  • Sul territorio: 14 pazienti ricoverati in rianimazione e 43 in ospedale
  • Al Chu de Nice: 7 ricoverati in rianimazione e 11 in ospedale.

Tutto ciò che può essere fatto per fermare la progressione esponenziale del virus deve essere fatto.
Spero che gestiremo questa seconda ondata, che stiamo affrontando in modo esemplare come nella scorsa primavera”.

Gli obiettivi:

  • Proteggere i più vulnerabili;
  • Sostegno al patrimonio e all'occupazione;

Poi le misure a partire dalla più dura e triste: sospese le visite alle 4 case di riposo comunali.

In seguito una serie di provvedimenti ritenuti indispensabili:

  • Riattivata la distribuzione di mascherine alla popolazione;
  • Riattivata la piattaforma telefonica al numero 04.9 77.13.56.00 per dare informazioni sulle misure e sulla situazione sanitarie;
  • Aiuti alle persone più fragili tramite i servizi sociali;
  • Riattivazione del servizio a domicilio di sostegno e di consegna dei pasti alle persone anziane;
  • Richiesta ai supermercati dei quartieri di riattivare o potenziare il servizio di consegna della spesa a domicilio;
  • Invito ad attivare, ove possibile, il telelavoro;
  • Appello per evitare viaggi e spostamenti inutili, soprattutto nelle ore di punta.

Poi interventi per settori
Sport

  • Chiusura dei luoghi promiscui come gli spogliatoi;
  • Appello allo spirito di responsabilità dei dirigenti sportivi;

Cultura

  • Rinvio della presentazione della stagione dell’Opera e del primo spettacolo in programma il 12 e 13 settembre;
  • Annullamento delle iniziative previste in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio del 19 e 20 settembre;
  • Annullamento delle manifestazioni e degli eventi per i quali é da prevedersi una grossa affluenza di pubblico

Quindi la notizia che sarà ridotto drasticamente il numero delle persone che potranno assistere ai matrimoni in municipio e che la Police Municipale raddoppierà gli sforzi per far rispettare l’ordinanza prefettizia che prevede l’obbligo di indossare la mascherina.

Ripartiranno subito gli interventi di pulizia e dinfezione delle vie e delle piazze.

Christian Estrosi ha poi chiesto al Prefetto di interrompere l’attività di traghetti e crociere con scalo a Nizza, analogamente all’aeroporto verranno effettuati i test a chi   non sarà in grado di presentare un certificato negativo

Al termine della conferenza stampa si è rivolto direttamente ai nizzardi appellandosi alla responsabilità di ciascuno: “La situazione è grave. A seconda della sua evoluzione, dovrò adottare misure ancora più forti. Terrò regolarmente informati i nizzardi sull’evoluzione della situazione, perché è in gioco la vita dei nostri concittadini”.

Era appena terminata la conferenza stampa che il Ministero della Sanità ha pubblicato i dati sull’epidemia:

  • Casi positivi nelle ultime 24 ore: + 9.843 (353.944 in totale)
  • Focolai: + 71 nelle ultime 24 ore (692 in totale)
  • Decessi: + 19 nelle ultime 24 ore (30.813 in totale)
  • Ricoveri in ospedale: +2.202 negli ultimi 7 giorni di cui 371 in rianimazione;
  • Dipartimenti in situazione di vulnerabilità: 75

Al fondo di questo articolo inseriamo il documento che analizza l’evoluzione dell’epidemia nell’ultima settimana.

La televisione francese aveva appena comunicato i dati allarmanti, la conferenza stampa era terminata da meno di un ora e, a chi scrive, è capitato di passeggiare sulla Promenade des Anglais, scattando la fotografia inserita sotto il titolo di questo articolo.
Erano le 20,04…tra le parole e i fatti






Files:
 COVID19 PE 20200910 (5.0 MB)

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium