/ Business

Business | 14 dicembre 2020, 07:00

“Io farei così…”, consigli per vendere il proprio appartamento in Costa Azzurra

Gli effetti Covid si fanno sentire e Philippe Alazard affida a Montecarlonews i suoi consigli e la sua esperienza per vendere “bene” e in fretta il proprio appartamento

“Io farei così…”, consigli per vendere il proprio appartamento in Costa Azzurra

Per qualche giorno sarà possibile viaggiare tra Italia e Francia: si annunciano forti presenze di italiani in Costa Azzurra, proprietari di seconde case.

Stando alle impressioni dei titolari di agenzie immobiliari, si potrebbe assistere ad una accelerazione del mercato immobiliare: le telefonate, in queste settimane, si sono sprecate e molti proprietari, dopo quasi un anno di "astinenza" dovuta al Covid 19, stanno immaginando di mettere in vendita il proprio alloggio, magari per acquistarne uno in località balneari più vicine a casa.

Il disastro del Col di Tenda e l'isolamento della Valle Roya, oltre tutto, costringeranno i piemontesi a sobbarcarsi spostamenti di un centinaio di chilometri superiori a prima per molti anni.

Così le agenzie immobiliari si preparano ad accogliere italiani desiderosi di vendere ed altri alla ricerca dell'affare. Il momento pare propizio.

Per questa ragione abbiamo chiesto a Philippe Alazard, titolare di un'agenzia Orpi di Rue de France a Nizza, di svelare qualche segreto per "mettere in vendita" al meglio il proprio appartamento.

Ecco cosa ha suggerito.

"Un metodo semplice per migliorare e rendere più interessante una proprietà quando la si pone in vendita.

L’Home Staging è una tecnica di marketing che consiste nella valorizzazione degli spazi delle proprietà immobiliari, migliorandone l’immagine in modo da favorirne la vendita o l’affitto nel tempo più breve e al giusto prezzo.
È stata resa popolare da alcune trasmissioni televisive, ma il suo costo è spesso notevole ed include solo forniture e non interventi strutturali o con manodopera.

Ecco perché, propongo un'alternativa all’Home Staging con l'obiettivo di ridurre al minimo gli interventi costosi e rendere appetibile e più facilmente “vendibile” il proprio appartamento.

La proposta è che quanti intendono mettere in vendita un alloggio s’impegnino in alcuni interventi a basso costo:

  • “Faites le tri”, modo di dire francese che indica la necessità di analizzare quanto è conservato nell’alloggio, anticipando il momento di decidere quanto va conservato (da un’altra parte), quanto va lasciato nell’alloggio, immaginando che possa potenzialmente interessare al nuovo acquirente e quanto va avviato alla discarica.
  • Liberare i mobili da eccessivo materiale, come soprammobili, oggetti, ricordi, vendendoli o regalandoli se non ci interessa trasferirli nella nostra nuova abitazione.
  • Spersonalizzare l’alloggio liberandolo da fotografie e souvenirs.
  • Effettuare eventuali interventi di riparazione e di sostituzione di componenti che sono rotte (rubinetti che gocciolano, serrande, lampadine).
  • Pulire l’alloggio: pavimento, finestre, mobili.

Per decidere quali interventi effettuare guardate con occhio nuovo il vostro alloggio in vendita pensando di essere voi stessi l’acquirente.

Come vi sentireste nei panni di un visitatore che vuole acquistare l’appartamento? Se alcune cose danno fastidio a voi stessi, sarà ancora peggio per un potenziale acquirente. 

Prima della visita all’alloggio da parte di un potenziale acquirente: sistematelo, aeratelo bene, fate in maniera che l’appartamento sia il più luminoso possibile (aprite le persiane e tirate le tende).

L'obiettivo è che l'acquirente ricavi una sensazione positiva dalla visita e si concentri sulle qualità dell’alloggio e non sui suoi difetti".

Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium