/ Business

Business | 12 maggio 2022, 07:00

Nizza: “I dark store danneggiano il commercio”, pronta una delibera del Consiglio Municipale per disincentivarli

Generano traffico, ma non affari nel quartiere e man mano indeboliscono la rete dei negozi di prossimità, già messa in forte difficoltà dal Covid e dal commercio on line

Dark store

Dark store

Li chiamano dark store, sono dei magazzini dedicati e progettati per servire esclusivamente i clienti del commercio online: nascono non come funghi, ma quasi, nei centri abitati, sostituendosi in alcuni casi a negozi di vicinato e, in altri casi, occupando il pianterreno o il primo sotto suolo di case destinate anche all’abitazione privata.

Generano traffico, ma non affari nel quartiere e man mano indeboliscono la rete dei negozi di prossimità, già messa in forte difficoltà dal Covid e dal commercio on line.

Quella dei dark store è un’evoluzione del commercio on line in quanto assicura generi, anche alimentari, in tempi rapidissimi, questione di un’ora, per lo più, o al momento indicato dagli acquirenti, con implicazioni ancor più dannose per i piccoli negozi che si trovano a fronteggiare una difficile concorrenza ed anche per le produzioni del territorio.

 

 

Nizza non è estranea al fenomeno divenuto preoccupante al punto che nel prossimo Consiglio Municipale verrà discussa una deliberazione regolamentare che cercherà di limitare il fenomeno.

Christian Estrosi, che si è fatto promotore dell’iniziativa, così si pronuncia sui dark store: “La crisi sanitaria e i confinamenti hanno fatto emergere una nuova modalità di consumo, in particolare per i prodotti alimentari essenziali stoccati nei magazzini del centro città (dark store) con l'uso della consegna a domicilio. Questi dark store hanno un impatto negativo sulla fisionomia e sul futuro del nostro centro città. Gli operatori stanno trasformando i negozi in luoghi di stoccaggio e quindi li stanno deviando dal loro scopo commerciale.
La città di Nizza conta attualmente due dark stores: questi "magazzini", per lo più a pian terreno, impattano negativamente sull'animazione e sull'attrattiva delle nostre vie e non generano più flussi di clienti. Le imprese tradizionali sono indebolite. A questo si aggiunge l'inquinamento acustico e quello generato dal traffico indotto e dalle consegne
”.

Non poche sono state le segnalazioni per il fastidio recato, con il via vai per le consegne, ai residenti dei palazzi che ospitano i dark store e per l’impatto disastroso sul commercio locale.

Da qui la determinazione, oggetto di discussione in Consiglio Municipale, per inasprire le normative adottando misure per controllare le nuove strutture r per rendere più puntuali le disposizioni del Piano Urbanistico Metropolitano Locale, al fine di vietare i locali destinati a magazzini a piano terra e negli scantinati degli edifici residenziali.

Dovrebbe inoltre essere previsto che qualsiasi trasformazione di locali commerciali in un'altra destinazione dovrà richiedere un’autorizzazione urbanistica.

 



Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium