/ Politica

Politica | 06 settembre 2022, 18:00

La Francia crea un “fondo verde” per accompagnare la transizione energetica, plaude Christian Estrosi che scrive al Primo Ministro: “Nizza è all’avanguardia”

Il sindaco di Nizza chiede “di rimuovere gli ostacoli normativi per autorizzare il riutilizzo delle acque reflue trattate per il fabbisogno di acqua non potabile, nell'ambito di un esperimento unico in Francia

La "futura" Promenade du Paillon a Nizza

La "futura" Promenade du Paillon a Nizza

Christian Estrosi, Sindaco di Nizza e Presidente della Métropole Nice Côte d’Azur ha scritto a Elisabeth Borne, Primo Ministro in seguito all'annuncio della creazione di un Fondo verde, per portare avanti le proposte del territorio.

L'estate del 2022 ci mostra, se ce ne fosse ancora bisogno, che record di caldo, lunghi episodi di stress idrico e il verificarsi di devastanti fenomeni temporaleschi non fanno più eccezione.

 

 

Questi sono i nuovi standard climatici a cui è urgente fornire risposte potenti e adatte a ciascun territorio: “Lei ha annunciato, scrive Estrosi, l'imminente creazione di un “Fondo verde” volto a sostenere i progetti di transizione ecologica realizzati dagli enti locali per un importo di 1,5 miliardi di euro. Volevo esprimere il mio pieno sostegno a questa iniziativa. L'emergenza ambientale e il contesto in cui i prezzi dell'energia esplodono richiedono un'attuazione molto rapida

Christian Estrosi sottolinea nella lettera: “il ruolo essenziale dei rappresentanti locali nell'affrontare le sfide della transizione energetica, poiché le nostre competenze sono vaste e ci consentono di agire su tutte le leve in modo rapido ed efficiente. I presidenti di realtà intercomunali e i sindaci guidano la maggior parte delle politiche di sviluppo, urbanistica, mobilità, acqua, edilizia e gestione dell'energia, cioè quelle che incidono maggiormente sulla riduzione delle emissioni di anidride carbonica e sulla nostra capacità di far fronte ai fenomeni climatici”.

"Il progetto "Fondo Verde" è pienamente in linea con le indicazioni intraprese da 14 anni dalla Città di Nizza e dalla Metropoli Nice Côte d'Azur, con un programma di investimenti pluriennale volto a ridurre le emissioni di gas serra di -55. % entro il 2030 e raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050. È probabile che nuovi mezzi finanziari ci possano consentire di accelerare ulteriormente, garantendo la protezione delle nostre attività economiche e del potere d'acquisto degli abitanti”.

Le priorità principali del Piano per il clima della Métropole Nice Côte d’Azur sono:

  • L'attuazione di un vasto piano di dispiegamento di nuove linee di trasporto prive di emissioni di carbonio;
  • La riqualificazione energetica di edifici pubblici e privati e la realizzazione di reti termiche urbane rinnovabili a prezzi controllati;
  • La lotta alle isole di calore in città con lo sviluppo di 70 ettari di spazi verdi aperti con la piantumazione di ulteriori 280 mila alberi a Nizza entro la fine del 2025;
  • La gestione ragionata delle risorse idriche attraverso piani di ammodernamento delle apparecchiature e delle reti.

Infine, Christian Estrosi chiede al Presidente del Consiglio di rimuovere gli ostacoli normativi per autorizzare il riutilizzo delle acque reflue trattate per il fabbisogno di acqua non potabile, nell'ambito di un esperimento unico in Francia, sul territorio della Métropole Nice Côte d’Azur :  “Il nostro territorio è disposto a partecipare ad una sperimentazione relativa alla differenziazione, al decentramento e all'attuazione di diverse misure di semplificazione delle linee di azione del settore pubblico locale”.



Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium