/ Ambiente

Ambiente | 10 giugno 2024, 19:00

Var: alla scoperta del territorio. Tanneron e Bargemon (Foto)

Montecarlonews propone luoghi, itinerari, passeggiate alla scoperta del territorio. Le foto sono di Danilo Radaelli

Tanneron e Bargemon, fotografie di Danilo Radaelli

Tanneron e Bargemon, fotografie di Danilo Radaelli

Una pedalata di 186 chilometri, quella che Danilo Radaelli ha effettuato per raggiungere Tanneron per poi proseguire fino al villaggio Medievale di Bargemon e raggiungere il villaggio di Claviers, da dove ha fatto rientro a Nizza.

Tanneron

È un piccolo villaggio che si trova nell'estremo est del Var, vicino a Auribeau-sur-Siagne nelle Alpes Maritimes.

Si trova proprio nel centro della famosa foresta della mimosa. E il centro principale di un territorio contraddistinto dal Massif du Tanneron ed è famoso per la sua foresta di mimosa floreale.



Questo splendido borgo è accessibile dalla strada (RD 38 e RD 94) che collega Tanneron con Pégomas, il Lago di San Cassian e Tournon, frazione di Montauroux.

Bargemon

È una ridente cittadina della regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra, situata nel dipartimento del Var. Popolazione di circa 1500 abitanti, è a nord di Draguignan, a 500 metri sul livello del mare, vicino alle Gorges du Verdon e Saint Cassian.

Pittoresco borgo medievale, Bargemon pieno di vecchi monumenti che ricordano la storia del sito nel Medioevo. Piazze, fontane, oliveti, o vicoli dove è possibile passeggiare, Bargemon ha una ricchezza di attrazioni turistiche e storiche.
Gli amanti della Provenza autentica saranno sicuramente affascinati da questo borgo con tipica architettura e un ambiente accogliente e rilassante.

Bargemon ha un patrimonio architettonico e storico dei luoghi più interessanti e molte da scoprire con piacere.



Costruita fuori dalle antiche mura della città, la chiesa di Saint-Etienne ha un campanile risalente al XVII secolo. Nelle vicinanze, la cappella di Montaigu è stato quello della confraternita di Penitenti Bianchi. Precedentemente chiamato Cappella dell'Annunciazione, prende il nome attuale nel 1635 in onore di una statua miracolosa della Vergine ha portato dalla città di Montaigu in Belgio.

Intorno al villaggio, si può ancora notare i resti delle mura dell'XI secolo. Nel centro storico, gli elementi non mancano con il cancello della vecchia prigione del XVI secolo, le porte del castello, la torre dell'orologio o chiuse diverse fontane come quelle Couchoire o pesce, e un bellissimo frantoio.

I Minerali e Fossili museo nel centro del paese e presenta una bellissima collezione di oltre 3000 pezzi trovati nella regione.

Le macchine del museo offre vista del pubblico una collezione impressionante di macchine da scrivere e calcolo. Oltre 250 esemplari sono esposti alcuni particolarmente rari.



Situato nella ex cappella di Saint-Etienne, risalente all'XI secolo, il museo-galleria Camos propone di presentare Bargemon della storia per il suo patrimonio religioso, economico o il pittore della città, Honoré Camos. Il sito offre anche mostre temporanee ogni mese con opere di artisti contemporanei.

La patria della Mimosa
Il Massif du Tanneron è il massiccio della mimosa: le mimose selvatiche si alternano alle varietà coltivate in quella che è la patria di questa coltura.

Il territorio ospita il più grande bosco di mimose d’Europa: è turisticamente interessante tutto l’anno, soprattutto, però, nei mesi di gennaio e febbraio, quando fioriscono le mimose. È il periodo ottimale per ritemprarsi al sole e godersi la vacanza in mezzo ad una natura colorata e profumata.

La foresta comunale del Grand Duc, gestita dall’Office National des Fôrets (ONF), si estende lungo le prime pendici del Tanneron e rappresenta uno splendido belvedere da cui ammirare i panorami della Costa Azzurra.



La foresta copre una superficie di 90 ettari, in cui si snodano piste e sentieri attrezzati lungo i quali si aprono splendidi scorci sul litorale e si scopre la flora boschiva propria di questo gruppo montuoso.  

In corrispondenza dei punti di partenza dei circuiti escursionistici sono stati allestiti dei tavoli da pic-nic. È l’itinerario ideale da percorrere d’inverno in famiglia o con gli amici per ammirare le mimose in fiore.


TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium