/ Altre notizie

Altre notizie | 28 luglio 2020, 08:00

Dopo le spiagge pubbliche, anche gli stabilimenti balneari si adeguano alle esigenze dei disabili (Foto)

E’ il caso della Plage Hotel Amour che si trova all’altezza di Boulevard Gambetta. A Nizza sono due le handiplages pubbliche

Plage Hotel Amour, Nizza

Plage Hotel Amour, Nizza

I diritti dei disabili ad una vita il più possibile “normale” non cessano quando viene l’estate.

Così, anche quest’anno, la città di Nizza ha previsto che siano due le spiagge, definite “handiplages”, nelle quali sia facilitato, il più possibile, l’accesso al mare e alla balneazione alle persone in situazione di difficoltà.

Anche i “privati” si stanno adeguando alle esigenze di chi ha difficoltà negli spostamenti: le concessioni appena rinnovate e la voglia di “nuovo” che si è impadronita di buona parte dei “plagistes” di Nizza sta facendo la differenza.

Così anche i primi supporti per portatori di handicap stanno facendo la loro comparsa negli stabilimenti balneari privati.
E’ il caso, come documentano le fotografie, della Plage Hotel Amour che si trova all’altezza di Boulevard Gambetta.

Per quanto riguarda le spiagge pubbliche, le due handiplages si trovano entrambe sulla Promenade des Anglais, una in pieno centro (Plage du Centenaire) di fronte al Jardin Albert Ier e l’altra all’estremo Ovest, a Carras.

Le strutture si rivolgono non solo alle persone affette da handicap, ma anche agli anziani, a quanti soffrono di problemi di equilibrio, alle persone anche con problemi momentanei, consentendo loro l’accesso alla spiaggia in piena tranquillità e sicurezza.

Per accedere non è necessario presentare alcun giustificativo: le strutture sono dotate di:

  • Un’idonea segnalazione;
  • Un posto di soccorso accessibile anche alle persone in situazione di disabilità;
  • Dei parcheggi riservati alle auto munite dell’attestazione europea per la sosta;
  • Docce e toilettes accessibili anche per disabili in carrozzella;
  • Ombrelloni e percorsi idonei per accedere al mare senza particolari difficoltà;
  • Due poltrone anfibie per ogni spiaggia che consentono a soggetti disabili di fare il bagno in mare;
  • Gilet di salvataggio e altri oggetti in grado di facilitare la balneazione in piena sicurezza;

Una squadra di handiplagistes (titolari di un brevetto nazionale di salvataggio) e personale stagionale col compito di accogliere, aiutare le persone disabili nella balneazione nell’ingresso, nell’uscita dall’acqua ed anche durante il bagno;

Sulla Plage du Centenaire sventola inoltre la bandiera di plage sans tabac: quanti la frequentano sono quindi tenuti a non mettere mano al pacchetto delle sigarette.

Parcheggi riservati sono stati previsti nelle immediate vicinanze delle due spiagge, inoltre la spiaggia di Carras è facilmente accessibile utilizzando la Ligne 2 del tram.

Il servizio Mobil’Azur, su appuntamento, è disponibile per condurre le persone disabili in uno dei due siti, le informazioni necessarie sono inserite sul sito www.mobilazur.org




Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium