/ Fashion

Fashion | 13 luglio 2022, 09:00

Chiara Dynys partecipa alla VI edizione di art-montecarlo con la Cortesi Gallery

L’artista sarà presente alla manifestazione con tre opere della serie La Blancheur e due del ciclo Tutto

Chiara Dynys partecipa alla VI edizione di art-montecarlo con la Cortesi Gallery

Si rinnova il sodalizio fra Chiara Dynys e la Cortesi Gallery in occasione di art-montecarlo, evento espositivo di rilievo internazionale, giunto oggi alla sua sesta edizione, in programma dal 13 al 16 luglio 2022 al Grimaldi Forum del Principato di Monaco.

L’artista sarà presente alla manifestazione con tre opere della serie La Blancheur e due del ciclo Tutto, libri in metacrilato dal 2015 al centro della produzione di Chiara Dynys. Un’ulteriore testimonianza del grande apprezzamento da parte della Cortesi Gallery del lavoro dell’artista.

La Blancheur - termine francese traducibile con “il candore”- è improntata sulle foto originali di Chiara Dynys nella gipsoteca di Possagno – Museo Canova; queste ultime riprendono particolari che, attraverso la moltiplicazione spaziale, diventano specchi. Raccoglitori di luce in cui, specchiature accostate a immagini di neoclassica perfezione, creano un cortocircuito tra realtà, percezione ed illusione. Con questo titolo, l’artista fa riferimento al filosofo David Le Bréton, con il suo preveggente assunto sulla sparizione intesa come tentazione di staccarsi dal sé, disfarsi degli obblighi che impongono in permanenza di assumere responsabilità senza poter riprendere fiato

L’idea alla base del fortunato ciclo Tutto è, invece, l’opposizione e il collegamento fra la storia e la contemporaneità. Due parole opposte compaiono dalle pagine di un libro aperto e ci fanno riflettere, da un lato, sul bisogno di ricordare ed imparare e, dall’altro, sulla necessità di smettere di guardare avanti.

Oltre a Chiara Dynys, la Cortesi Gallery, presso lo stand 26, presenterà un’ampia selezione di opere di artisti del dopoguerra e contemporanei come Pablo Atchugarry, Agostino Bonalumi, Alighiero Boetti, Enrico Castellani, Piero Dorazio, Lucio Fontana, Yves Klein, Walter Leblanc, Igor Mitoraj, Arnaldo Pomodoro, Antonio Sanfilippo, Turi Simeti e Grazia Varisco; saranno esposte anche una serie di opere di due artisti italiani, Francesco Carozza e Tiziana Lorenzelli.

In linea con lo stretto legame fra Chiara Dynys e la Cortesi Gallery, nonché a seguito del grande successo di pubblico della personale dell’artista “Un’eterna ghirlanda brillante”, curata da Giorgio Verzotti ed appena conclusa presso gli spazi milanesi della galleria, dal 18 luglio al 20 settembre 2022 una sintesi delle opere in mostra sarà esposta nel group show pre-estivo nella sede di Cortesi Gallery a Lugano, in via Via Nassa 62.

Tra le altre, in mostra a Lugano anche tre opere del ciclo Parade Perspective composte da una serie di cornici prospettiche in metacrilato, strombate e trasparenti di diversi colori. Tali cornici, che da anni caratterizzano il lavoro di Chiara Dynys, presentano un fondo in plexiglas colorato, dello stesso colore, con tagli di forme diverse. Ogni taglio corrisponde a una forma prospettica: colonnati, segni obliqui, coni ottici e corridoi di segno rinascimentale, attraversati da luci nel plexiglas che si interfacciano e illuminano gli specchi posti al fondo.

Proseguono, dunque, le attività espositive di Chiara Dynys che è stata appena selezionata nell’ambito dell’annuale classifica di Forbes Italia fra le 100 personalità femminili, accomunate da leadership e creatività, che si sono contraddistinte nel 2022 per ingegno, tenacia e competenza.

 

Chiara Dynys è una delle più rilevanti artiste italiane contemporanee. Ha partecipato a numerosi progetti espositivi in Italia e all'estero. Tra le più importanti istituzioni che hanno ospitato il suo lavoro si ricordano il Musée d'Art Moderne di Saint-Étienne (1992), il Centre d'Art Contemporain di Ginevra (1996), il CIAC - Centre International d'Art Contemporain di Montréal (1997), la Städtische Galerie di Stoccarda (1999), il Museo Cantonale di Lugano (2001 - 2015), la Quadriennale di Roma (1986 - 2005), il Bochum Museum, Bochum (2003), il Kunstmuseum di Bonn (2004), il Wolfsberg Executive Development Center, Wolfsberg (2005), lo ZKM- Zentrum für Kunst und Medientechnologie di Karlsruhe (2005 - 2012), lo Spazio -1, Collezione Giancarlo e Danna Olgiati, LAC, Lugano (2012),  Arkhangelskoye – VII Moscow Biennale, Mosca (2017); ICAE Armenia, Yerevan (2018), il MASI di Lugano (2018) e musei italiani come il MART di Rovereto (2005 - 2011), il Museo del Novecento di Milano (2012), la Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Roma (2013), il Museo Correr di Venezia (2019), Villa e Collezione Panza di Varese (2009 - 2021), Palazzo Maffei Casa Museo di Verona (2021), MA*GA – Museo Arte Gallarate con la mostra “Chiara Dynys. Melancholia” e Cortesi Gallery Milano con “Un’eterna ghirlanda brillante” (2022). Attualmente in corso, fino al prossimo 27 novembre, la partecipazione dell’artista a GLASSTRESS 2022 – STATE OF MIND con “Giuseppe’s Door”.

 

cs

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium