/ Ambiente

Ambiente | 26 novembre 2022, 18:00

Costa Azzurra: alla scoperta del territorio. Pescatori a Cros de Cagnes (Foto)

Montecarlonews propone luoghi, itinerari, passeggiate alla scoperta del Dipartimento delle Alpi Marittime. Le foto sono di Danilo Radaelli

Pescatori a Cros de Cagnes, fotografie di Danilo Radaelli

Pescatori a Cros de Cagnes, fotografie di Danilo Radaelli

Sosta a Cros de Cagnes di Danilo Radaelli che ha scattato alcune fotografie che ritraggono i pescatori intenti nel loro lavoro di rimessa a punto delle reti.

Qualche informazione, con l’aiuto del web, su Cros de Cagnes
Il litorale di Cagnes-sur-Mer offre 3,5 km di spiagge di ciottoli. Sono essi che contribuiscono a dare al Mediterraneo quel colore blu profondo che lo contraddistingue.


La temperatura dell'acqua è talmente gradevole che qui si può fare il bagno in mare tutto l'anno.
Le sei nuove spiagge private di Cagnes-sur-Mer offrono prestazioni complementari di grande qualità: ristorazione, sdraio, ombrelloni.

Villaggio dei pescatori e tradizioni marittime
Un antico villaggio di pescatori è diventato nel 1971 una stazione balneare dinamica.
Se il Cros-de-Cagnes attira i visitatori principalmente grazie alle sue attività nautiche, esso ha saputo conservare le sue tradizioni marittime e nel contempo mescolare modernità e tradizione. Ritroviamo tutto questo nel suo porto, la sua cappella dai toni ocra, le sue imbarcazioni tipiche (pointus), le sue viuzze, la piazza Saint-Pierre, l'avenue des Oliviers e i suoi negozi.  



La Promenade de la Plage
La città di Cagnes-sur-Mer ha intrapreso dei lavori di riqualificazione del lungomare, grazie ai quali è diventata un esempio di riuscita ed un luogo di villeggiatura e svago eccezionale.

Una terra di eventi
La Promenade de la Plage si trasforma, tutto l'anno, in teatro di numerosi eventi che animano il lungomare di Cagnes-sur-Mer.
Le Dimanche Malins in primavera, la Festa di Saint Pierre et de la Mer e ancora le edizioni della Promenade en Fête in estate, attirano migliaia di persone sul lungomare che diventa, per una giornata, zona pedonale.

 

Un po’ di storia
Dopo la Rivoluzione Francese
In principio, al Cros-de-Cagnes non vi erano che sassi, zone paludose e qualche capannone isolato, riparo di alcune famiglie di pescatori originarie di Menton.
Questi pescatori venivano al Cros-de-Cagnes due volte l'anno per via delle sue acque ricche di pesce e ben riparate.
Rapidamente essi decisero di installarsi in modo permanente su queste coste protette, venendo ben presto imitati dai giovani di Cagnes.
In poco tempo la pesca acquista importanza economica e le poche barche si rivelano presto insufficienti. Si avverte dunque la necessità di costruire nuove imbarcazioni, cosicché sei carpentieri originari di Genova e Napoli provvedono alla fabbricazione dei "pointus".
Nel 1866, il villaggio di Cros-de-Cagnes viene messo sotto la protezione di San Pietro, e la cappella eponima viene così edificata.

All'inizio del XX° secolo
Cros-de-Cagnes diventa pian piano una piccola agglomerazione col suo municipio e le sue tipiche casette dei pescatori (risalenti al 1928).
Generalmente, i pescatori possedevano anche un piccolo appezzamento di terra che permetteva loro di coltivare ortaggi per sopperire ai bisogni delle proprie famiglie.
Fra il 1920 e il 1930 la pesca al Cros-de-Cagnes è al suo apogeo, con un centinaio di imbarcazioni e circa 200 pescatori che fanno vivere un migliaio di persone.
Un porto è costruito nel 1939, ma viene rapidamente ostruito dalla ghiaia trasportata dalle correnti liguri.
Nel 1960 viene realizzata una scogliera artificiale che permetterà così al porto di accogliere imbarcazioni da diporto e l'insieme della flotta da pesca del Cros-de-Cagnes. Cros-de-Cagnes è inoltre la più antica stazione di salvataggio in mare della Costa Azzurra.



Oggi
Nonostante i numerosi cambiamenti, lo "spirito del villaggio " è ancora presente al Cros-de-Cagnes, che ha saputo conservare il suo porto e le sue tradizioni.
Oggi Cros-de-Cagnes è un mix di tradizione e modernità, è un luogo in cui il porticciolo e la Cappella vanno a braccetto con le stazioni di sport nautici aperte tutto l'anno, con i ristoranti della spiaggia e con le dinamiche attività commerciali. La nuova Promenade de la Plage è stata inaugurata nel 2007.


Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium