/ Altre notizie

Altre notizie | 09 dicembre 2022, 08:00

Un abete “insolito” di fronte al Palais de la Méditerranée (Foto)

A sistemare “le sapin des Anges” è stato un provetto bagnino nizzardo che si augura che i passanti si fermino un instante, ammirino l’albero addobbato con tanti oggetti diversi e lascino a loro volta un ricordo

Sapin des Anges, Nizza

Sapin des Anges, Nizza

Di fronte al Palais de la Méditerranée, sulla Promenade des Anglais, vicino al vi è un albero di Natale: è diverso dagli altri.

Se lo si guarda bene verrebbe voglia di definirlo “confusionario” o almeno “insolito”: sui suoi rami, oltre alle palline colorate, vi è un po’ di tutto.



Si trova nei pressi dell’Ange de la Baie, la scultura firmata dall’artista nizzardo Jean Marie Fondacaro, che ricorda le 86 vittime dell’attentato del 14 giugno 2014 nel punto ove si arrestò la criminale marcia del camion bianco.

Per il sesto anno trova posto in uno degli angoli più suggestivi e fotografati di Nizza ed è a disposizione dei passanti che possono appendervi qualunque oggetto o lasciarlo a terra sulla Promenade dove già vi sono alcuni peluches.



Simboli diversi per testimoniare solidarietà e vicinanza alle vittime dell’attentato che, nel 2016, ha insanguinato la Promenade des Anglais.

Ad ideare “le sapin des Anges” è stato Louis Baudoin, un provetto bagnino nizzardo, ora in pensione, che si augura che passanti, ciclisti, turisti e nizzardi si fermino un instante, ammirino l’albero addobbato con tanti oggetti diversi e lascino a loro volta un ricordo arricchendolo e personalizzandolo ancora di più.
O scrivano un messaggio inserendolo nella buca delle lettere che è posta vicino all’abete.

 

Tutti i messaggi saranno consegnati al municipio e formeranno un’antologia di pensieri rivolti a chi cercava un momento di allegria in una calda notte di luglio ed ha perso la vita sotto le ruote di un camion lanciato a folle velocità contro persone inermi e innocenti.


Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium