/ Sport

Sport | 09 giugno 2024, 21:49

F1. In Canada la Ferrari torna sulla terra: disfatta per Leclerc, vince Verstappen davanti a Norris e Russell

Una monoposto che anche con Sainz sembrava la lontana parente della peggior versione del 2023. Ma finalmente, anche senza la rossa, torna a esserci una lotta tra più contendenti per la vittoria

Foto Ferrari

Foto Ferrari

Dopo la sbornia di Montecarlo, con un intero team "ubriaco" di gioia per il successo di Leclerc, era troppo pretenzioso guardare le classifiche del mondiale, perchè un campionato così lungo si conquista tappa dopo tappa. Ma Ferrari, in Canada, sbaglia completamente il weekend: la rossa che si presenta a Montreal non sembra nemmeno la lontana parente della macchina delle debacle dello scorso anno.

La tappa del circuito intitolato a Gilles Villeneuve diventa una lotteria per tutti, con la pole position di una Mercedes rediviva sull'isola di Notre Dame e Russell che fa segnare lo stesso tempo di Verstappen, ma prima dell'olandese, conquistando la partenza al palo. Le rosse di Leclerc e Sainz colorano una anonima sesta fila.

Un Gran Premio che vive diverse fasi, scandite da una pista allagata prima della gara, e qualche goccia di pioggia caduta durante la corsa, in cui Ferrari non ha nemmeno il passo e la potenza per stare davanti a Racing Bulls, Williams, Sauber e Alpine. Il monegasco approfitta della prima Safety Car per tentare una mossa della disperazione che però ha il sapore del nonsense: la gomma dura da asciutto, quando il tracciato era palesemente da gomma intermedia.

Non succede nessuna variabile impazzita e Leclerc, dopo qualche giro in cui il Cavallino ha appurato che qualche problema al motore sembra essersi risolto, si ritira al giro 43. Poco dopo iniziano tutti a montare gomme da asciutto, con qualche giro di sofferenza per metterla in temperatura.

Finalmente torna a esserci una lotta tra più contendenti per la prima posizione, con la Mercedes di Russell, le McLaren di Norris e Piastri, e la Red Bull di Verstappen, a cui nel finale si aggiunge l'altra Mercedes di Hamilton.

Finisce dunque con il successo, sudato un po' meno di Imola ma comunque non scontato, dell'olandese campione del mondo che consolida il primato in classifica generale. Dietro a lui Norris e Russell che salgono sul podio.

Verstappen allunga a 56 punti di vantaggio su Leclerc che resta secondo, a sette lunghezze da lui lo insidia Lando Norris. Un mondiale comunque molto interessante da tornare a vivere a Barcellona, sperando che lo sprofondo rosso di Montreal resti un caso isolato.

Federico Bruzzese

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium