/ Altre notizie

Altre notizie | 10 maggio 2021, 19:00

Golfe-Juan: qui sbarcò Napoleone (Foto)

L’associazione nizzarda “Pour la panache” ha commemorato lo sbarco che diede l’avvio ai9 “100 giorni” finiti sul campo di battaglia di Waterloo

L'associazione "Pour la panache" ricorda lo sbarco di Napoleone a Golf Juan

L'associazione "Pour la panache" ricorda lo sbarco di Napoleone a Golf Juan

Napoleone, proveniente dall’Isola d’Elba, sbarcò a Golfe-Juan e in questi giorni nei quali ricorre il duecentesimo anniversario della morte, a Sant’Elena, dell’Imperatore, le commemorazioni sono numerose.

Le fotografie che pubblichiamo sono quelle che raccontano la commemorazione da parte dell’associazione nizzarda “Pour la panache”, presieduta da Daniel Mathieux, avvenuta a Vallauris – Golf Juan.

Il 1 ° marzo 1815, Golfe-Juan non era altro che un umile villaggio di pescatori, ma divenne il palcoscenico di una delle avventure più incredibili dell’Imperatore: i cento giorni.

Dal 6 aprile 1814 Napoleone, dopo aver dominato l’Europa, era confinato in un territorio di 22 chilometri quadrati, di soli 1.200 abitanti: da lì, il 26 febbraio 1815, con il suo staff militare e una manciata di uomini, partì, con i favori delle tenebre, a bordo dell’Inconstant.

La traversata avvenne senza incidenti e il 1° marzo 1815, alle 3 del pomeriggio, Napoleone arrivò a Golfe-Juan che sapeva essere un porto sicuro e protetto.
Il suo obiettivo era raggiungere Parigi il più rapidamente possibile evitando le città reali della valle del Rodano. Decise di percorrere la Route des Alpes, che fu ribattezzata “Route Napoleon” nel 1932.

Il ritorno di Napoleone avvenne mentre si svolgeva il Congresso di Vienna, che si affrettò, il 13 marzo, a dichiarare "fuorilegge" Napoleone. Il 25 marzo seguente Regno Unito, Impero russo, Impero austriaco e Prussia diedero vita alla Settima coalizione, alla quale, in seguito, aderirono altre nazioni, impegnandosi militarmente a deporre una volta per tutte Napoleone.

La decisione pose le basi dell'ultimo conflitto nelle Guerre napoleoniche, terminate con la sconfitta del generale francese a Waterloo il 18 giugno 1815 dopo gli scontri di Quatre-Bras e Ligny, della seconda restaurazione della monarchia francese e dell'esilio permanente di Napoleone sull'isola di Sant'Elena, dove egli morì il 5 maggio 1821.




 



Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium